Home Calciomercato Daryl Dike lascia di nuovo la MLS e torna in Inghilterra?

Daryl Dike lascia di nuovo la MLS e torna in Inghilterra?

La giovane stella di Orlando è pronta a tornare in Inghilterra: ecco dove può andare

di Nicolò Grosso
Orlando City | MLS Magazine Italia

Daryl Dike, attaccante classe 2000 di Orlando City, è uno dei migliori talenti della MLS e del calcio statunitense in generale.

Daryl Dike lascia Orlando e la MLS?  Tre squadre inglesi su di lui

calciomercato MLS | MLS Magazine ItaliaÈ esploso l’anno scorso, nella stagione 2020 del campionato nordamericano, durante cui ha segnato 8 gol in 22 partite: numeri che gli sono valsi la chiamata del Barnsley, in Inghilterra, dove ha giocato in prestito nella seconda metà della stagione 2020/2021.  Anche lì Dike ha fatto benissimo: con i suoi 9 gol in 21 gare ha portato la sua squadra, che prima di acquistarlo galleggiava a metà della classifica della Championship, fino alla qualificazione ai playoff per la promozione in Premier League (dove poi è il Barnsley è stato eliminato dallo Swansea al primo turno).

Nonostante le sue ottime prestazioni, il club del South Yorkshire non ha pagato i 20 milioni di dollari chiesti da Orlando per il riscatto, e così Daryl Dike è tornato in Florida a giugno, con una grande voglia di dimostrare ancora una volta il suo valore, convinto di poter tornare in Europa in inverno.

Dopo un’altra grande mezza stagione (la seconda metà della MLS 2021) da 11 reti, la sua perseveranza  e il suo talento saranno quasi certamente premiati nella prossima sessione di mercato.  Sembra, infatti, che diverse squadre siano pronte a riportarlo in Inghilterra: il West Bromwich (Championship) pare in vantaggio, ma anche Leeds e West Ham, in Premier League, sarebbero interessate.

Logo MLS Magazine Italia

Quasi certamente, dunque, Daryl Dike è destinato a lasciare Orlando e la MLS per tornare in Europa: una brutta notizia per il campionato, che perde una delle sue stelle, ma ottima per il movimento calcistico statunitense, che vedrà uno dei suoi migliori talenti crescere e fare esperienza in un torneo di livello maggiore, per poter poi aiutare la nazionale a stelle e strisce a fare bene ai mondiali del 2022 e, soprattutto, a quelli in casa del 2026.

 

0 0 votes
Article Rating

Ti potrebbe interessare anche

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Il sito web colleziona i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione. Le terremo al sicuro per te. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy
0
Would love your thoughts, please comment.x